5% DI SCONTO CON IL CODICE WELCOME5

Racina

Le nostre Cantine

Un Terroir Straordinario

133 Contrade, un ecosistema unico al mondo. Il terroir del vulcano è un mosaico eterogeneo, con suoli a composizione lavica a tessitura sabbiosa. Suoli profondi e ricchi di minerali a vocazione fortemente vitivinicola.

Ogni colata lavica, storicamente connotata, da origine a composizioni specifiche dei terreni; ed è proprio tale specificità a forgiare l’unicità dei vini prodotti in ciascun micro-territorio.

Microclima

Non solo i suoli, ma anche le diverse esposizioni contribuiscono a rendere uniche le produzioni di ogni contrada. Per la sua collocazione, ad esempio, il versante Nord del vulcano ha precipitazioni medie annuali ridotte rispetto al versante Est, che invece subisce maggiormente l’umido del vento di Levante. Agosto e settembre si presentano invece con forti escursioni termiche, fattore che contribuisce a donare freschezza aromatica e carattere alle produzioni.

Vitigni autoctoni

Tra le uve autoctone più coltivatela varietà più rinomata è il nerello mascalese. Ad esso va aggiunto il nerello cappuccio per rossi, rosati e spumanti, carricante e catarratto per i bianchi.

Senza ombra di dubbio, il nerello mascalese sviluppa le sue qualità più elevate in un terroir vulcanico come quello Etneo: pianta a maturazione tardiva, produce grappoli di medie dimensioni, dalla buccia sottile; il vino risultante è rubino di bassa intensità, con forti sentori di frutta rossa e note floreali, balsamiche e speziate. Ricco, elegante, profondo, raffinato.

Allevamento

La forma di allevamento più utilizzata, nonché la più tradizionale, è quella ad alberello. Si tratta di una modalità ad espansione che non richiede sostegni, ed è quindi ideale per ambienti più ostili in cui è necessario adottare una forma di allevamento molto ridotta e prossima al terreno. Ad essa si aggiunge una sistemazione a terrazzamenti, frequentemente impiegata su terreni con pendenza superiore al 35-40%. Abbondamente utilizzati anche sistemi a controspalliera con potatura a cordone speronato.

I nostri vini

promo del mese

Le migliori etichette a prezzo scontato

Racina

Le nostre Cantine

Un Terroir straordinario

133 Contrade, un ecosistema unico al mondo. Il terroir del vulcano è un mosaico eterogeneo, con suoli a composizione lavica a tessitura sabbiosa. Suoli profondi e ricchi di minerali a vocazione fortemente vitivinicola.

Ogni colata lavica, storicamente connotata, da origine a composizioni specifiche dei terreni; ed è proprio tale specificità a forgiare l’unicità dei vini prodotti in ciascun micro-territorio.

Microclima

Non solo i suoli, ma anche le diverse esposizioni contribuiscono a rendere uniche le produzioni di ogni contrada. Per la sua collocazione, ad esempio, il versante Nord del vulcano ha precipitazioni medie annuali ridotte rispetto al versante Est, che invece subisce maggiormente l’umido del vento di Levante. Agosto e settembre si presentano invece con forti escursioni termiche, fattore che contribuisce a donare freschezza aromatica e carattere alle produzioni.

Vitigni autoctoni

Tra le uve autoctone più coltivatela varietà più rinomata è il nerello mascalese. Ad esso va aggiunto il nerello cappuccio per rossi, rosati e spumanti, carricante e catarratto per i bianchi.

Senza ombra di dubbio, il nerello mascalese sviluppa le sue qualità più elevate in un terroir vulcanico come quello Etneo: pianta a maturazione tardiva, produce grappoli di medie dimensioni, dalla buccia sottile; il vino risultante è rubino di bassa intensità, con forti sentori di frutta rossa e note floreali, balsamiche e speziate. Ricco, elegante, profondo, raffinato.

Allevamento

La forma di allevamento più utilizzata, nonché la più tradizionale, è quella ad alberello. Si tratta di una modalità ad espansione che non richiede sostegni, ed è quindi ideale per ambienti più ostili in cui è necessario adottare una forma di allevamento molto ridotta e prossima al terreno. Ad essa si aggiunge una sistemazione a terrazzamenti, frequentemente impiegata su terreni con pendenza superiore al 35-40%. Abbondamente utilizzati anche sistemi a controspalliera con potatura a cordone speronato.

Visita lo shop

Tutti i vini delle migliori cantine etnee accuratamente selezionati da Racina per palati esigenti.

Mettiti
in contatto

0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuoto!Torna al Negozio